LA STORIA DI KURT GERRON | UNA VITA IN CORSA DA BRECHT A TEREZIN

Share

domenica 31 gennaio 2016, ore 16

MEB – MUSEO EBRAICO DI BOLOGNA, via Valdonica 1/5, Bologna

Uno spettacolo di e con Emanuela Marcante e Daniele Tonini per il Giorno della memoria 2016

Gerron Dietrich

Il Ruggiero | Farbenlehre
Museo Ebraico di Bologna
Goethe Zentrum-Istituto di Cultura Germanica di Bologna
Ut Orpheus Libreria Musicale

mercoledì 27 gennaio 2016, ore 19
Libreria Musicale Ut Orpheus, via Marsala 31/e – Bologna
Incontri in Libreria

La figura di Kurt Gerron e il mondo artistico ebraico attorno al cinema, al teatro e al cabaret berlinese tra gli anni Venti e Trenta

Una presentazione di Emanuela Marcante e Daniele Tonini

domenica 31 gennaio 2016, ore 16
MEB – MUSEO EBRAICO DI BOLOGNA, via Valdonica 1/5, Bologna

LA STORIA DI KURT GERRON. Una vita in corsa da Brecht a Terezin

Uno spettacolo di e con Emanuela Marcante e Daniele Tonini

L’incontro parte dalla figura di Kurt Gerron, straordinario e amatissimo attore, regista e cantante, morto ad Auschwitz dopo la detenzione a Terezin … [continua sulla pagina di Ut Orpheus]

Un omaggio a uno tra i più importanti, talentuosi e amati attori, registi, cantanti ebreo-tedeschi degli anni Venti e Tenta: l’illusionista de L’Angelo Azzurro, il “Tiger” Brown della prima de L’Opera da tre soldi di Weill e Brecht, il protagonista de Die Drei von der Tankstelle, notissimo film musicale con gli indimenticabili Comedian Harmonists. [continua sulla pagina di MEB, Museo Ebraico di Bologna]   Scarica l’invito pdf

Collaborazione all’allestimento di Sara Montori e Rebecca Pavarini | Studio Goniomentro
Si ringrazia per la collaborazione Valerio Farinelli | Spazio Digitale

Gerron Brooks

Qui sopra Kurt Gerron e Louise Books nel film di Georg Wilhelm Pabst Tagebuch einer Verlorenen (Diario di una donna perduta, 1929).

In cima alla pagina Kurt Gerron e Marlene Dietrich in Der blaue Engel (L’angelo azzurro, 1930) di Josef von Sternberg.

Finale del film di Wilhelm Thiele Die Drei von der Tankstelle (La sirenetta dell’autostrada, 1930).

Willy Fritsch canta Ich lass mir meinen Körper schwarz bepinseln di Friedrich Hollander nella scena del film Einbrecher (La frenesia dell’avventura, 1930) di Hanns Schwarz. Nella scena compaiono Lilian Harvey, Heinz Rühmann e Kurt Gerron.

 

 

I commenti sono stati disabilitati.