Archivio di Giugno 2021

COSA DIVENTEREMO? WAS WIRD AUS UNS?

Racconti di letteratura, poesia, musica e di contemporaneità dentro il mondo tedesco della natura e del viaggio con Emanuela Marcante e Daniele Tonini

Prenotazione obbligatoria a questo link di ERT-Emilia Romagna Teatro    

A partire dalla mostra Cosa diventeremo? Riflessioni intorno alla natura e dalle 60 domande che l’autrice Antje Damm ci pone, Emanuela Marcante Daniele Tonini ci porteranno nel sentire tedesco della natura e del viaggio, dell’esplorazione e della scienza, della storia e dell’attualità più stringente legata all’ambiente e alla transizione ecologica con racconti, riflessioni e letture a partire dagli scritti di von Humboldt fino a Daniel Kehlmann de La misura del mondo e al premio Nobel Christiane Nüsslein-Volhard de L’incanto degli animali, bellezza ed evoluzione, passando da Goethe ad Alfred Döblin e a Judith SchalanskyIlja TrojanowDurs Grünbein.
Con musiche di natura e di viaggio di Beethoven e Schubert per voce, flauto, pianoforte. 

Ludwig van Beethoven, Urians Reise um die Welt, Adelaide
Franz Schubert, Das Wandern, Lindebaum, Die Forelle

DANTE E LE VIE DEGLI EBREI

Una produzione
MEB – Museo Ebraico di Bologna | IL RUGGIERO

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dante-Banner-1024x239.jpg

DANTE
E LE VIE DEGLI EBREI

uno spettacolo in sette Canti tra storie e poesia, inferni e promesse di paradiso

Rocca di Bertinoro
giovedì 8 luglio 2021, ore 21,30

Antico Porto di Classe, Ravenna
lunedì 16 agosto, ore 21,30

Teatro del Baraccano, Bologna
domenica 10 ottobre, ore 21

Paesaggi sconfinati di vita e di poesia tra Dante e l’ebraismo, testi, racconti, immagini, musiche… questo spettacolo ci porta con incalzanti quadri di vita e storia dal Medioevo alla contemporaneità, raccontandoci di un mondo ebraico che dialoga con Dante, il poeta che afferma la priorità della lingua ebraica.

Seguiremo Dante nel suo ultimo approdo, Ravenna e ancor prima nel suo peregrinare tra Bologna e la Romagna, terra piena di presenze e storie degli ebrei, da Forlì (la città di Guido Bonatti, astronomo e astrologo posto nell’Inferno) a Cesena.

Saremo poi con Dante nello scenario della poesia, della bibbia e della mistica ebraica nel nome di Manoello Romano, autore di un’opera dal titolo quanto più dantesco L’Inferno e il Paradiso fino ad approdare al Dante mito dell’Unità d’Italia, fatto proprio dagli ebrei italiani risorgimentali giungendo quindi al secolo dell’Olocausto in cui Dante sarà compagno nelle persecuzioni e nell’inconcepibile disumanità dei campi, come per Primo Levi:

Considerate la vostra semenza:
Fatti non foste a viver come bruti,
Ma per seguir virtute e conoscenza.

Come se anch’io lo sentissi per la prima volta: come uno squillo di tromba, come la voce di Dio. Per un momento, ho dimenticato chi sono e dove sono.”
(da Se questo è un uomo)

La storia di Dante nel mondo ebraico, compagno di ogni “canto” di dignità e libertà umane, prosegue nelle traduzioni ebraiche del nostro secolo, prosegue nel nostro tempo

Uno spettacolo de Il Ruggiero
in testi, musiche, video, immagini
Ideazione e regia di Emanuela Marcante e Daniele Tonini

Emanuela Marcante, voce recitante, canto, pianoforte/clavicembalo
Daniele Tonini, voce recitante, canto, flauto

Testi di
Dante, dalla Bibbia, di Manoello Romano, Yehuda Romano, Moshe Zacuto, Primo Levi, Franz Werfel e altri 

Narrazioni originali di Emanuela Marcante