Il RUGGIERO, storie ebraiche

Il RUGGIERO, storie ebraiche

Il Ruggiero debutta nel 1993 con la musica di Salomone Rossi, da allora il suo lavoro sulla presenza e sulla cultura ebraica italiana attorno a Claudio Monteverdi si è aperto in molte direzioni e scenari a partire dal teatro di Leone de’ Sommi, intriso del pensiero umanistico ebraico e strettamente connesso alla storia del teatro rinascimentale italiano. 
Il Ruggiero quindi si è immerso nel mondo della poesia e della narrazione ebraica, dai salmi alla contemporaneità, nell’arte, nella storia, nel cinema, nella profonda e ricca specificità della vita ebraica e ha cercato di narrarla e di divulgarla in spettacoli e concerti, con direzioni e stimoli sempre vivi e nuovi e sempre interconnessi alla storia complessa di ogni cultura e di ogni popolo che si muove, opera e fatica sulla faccia della terra, e che con l’ebraismo ha condiviso storia e luoghi di vita. Nel dolore lancinante della storia e nel rinnovato dovere di riaffermare l’amore per l’uomo.
Il Ruggiero ha dedicato registrazioni e numerosissimi concerti a Salomone Rossi e alla cultura ebraica rinascimentale e barocca ed è statoattivo per anni in Europa e America, con il patrocinio della Comunità ebraica e del Comune di Bologna oltre che della Regione Emilia Romagna e del Ministero degli Esteri.

In collaborazione con il MEIS di Ferrara, Il Ruggiero ha presentato quindi percorsi di ricerca poetico e musicali e uno spettacolo dal titolo “Dai Salmi alla poesia contemporanea”.

Fin dalla sua fondazione Il Ruggiero collabora con il MEB-Museo Ebraico di Bologna, con cui ha sviluppato intensi percorsi di ricerca e prodotto eventi dedicati al grande attore tedesco Kurt Gerron (internato a Terezin e morto ad Auschwitz) protagonista del teatro di Brecht come, nel cinema, dell’Angelo Azzurro con Marlene Dietrich, uno scenario che ripropone la storia della presenza ebraica nel grande cinema tedesco. Sempre tra letteratura, cinema, teatro (e naturalmente musica e arte) si sono sviluppati i numerosi eventi del Calendario Elias Canetti tenuti nel corso del 2019, per i 25 anni dalla morte del grande premio Nobel.  Diversi eventi/tributo sono stati quindi dedicati all’astronomo Guido Horn d’Arturo, triestino di nascita e bolognese di adozione, una figura di scienziato visionario che permette di aprire uno scenario importante sul mondo dei telescopi e su Bologna, una figura legata anche ad una stretta amicizia con Giorgio Morandi (un rapporto a cui verrà dedicato uno specifico evento tra scienza e arte).

Con il Museo Ebraico di Bologna – nel periodo del confinamento per la pandemia – sono stati quindi sviluppati progetti video su Freud e i “suoi” scrittori, Zweig, Schintzler, Svevo, Kafka, ognuno di questi “fotografato” nel suo “impatto” con Freud e la psicoanalisi, nella sua scrittura e nel rapporto con i teatro e il cinema, nel clima straordinario, tra libertà, antisemitismo e avvento dei totalitarismi, del periodo tra le due guerre . A Kafka è stato poi dedicato un corso di lezioni online – Seminario Franz Kafka, Quattro incontri ravvicinati – che ha toccato i suoi profondi nessi con l’ebraismo, oltre che il rapporto con il teatro Yiddish e il tema.

Nell’anno dantesco 2021 Il Ruggiero ha presentato e presenterà in diverse sedi con il MEB-Museo Ebraico di Bologna lo spettacolo Dante e le vie degli ebrei, in cui il rapporto tra il Poeta e la cultura ebraica viene raccontato in sette “canti” che toccano momenti di questa profonda interazione a partire dal tempo della vita del Pota  e attraversando il Rinascimento e il Barocco fino al Risorgimento e all’Unità d’Italia e fino alla nostra contemporaneità, evocando la tragica parentesi dell’Olocausto in cui Dante fu compagno di grandi scrittori come Primo Levi e Franz Werfel. Lo spettacolo sarà presentato a Bologna il 10 ottobre 2021 per la Giornata della Cultura ebraica 2021, intitolata Dialoghi, anche con un omaggio ai disegni ispirati alla Divina Commedia di Emanuele Luzzati, nel centenario della nascita, a cui il Museo Ebraico di Bologna – in collaborazione con la Casa Luzzati di Genova – dedicherà una mostra. A Emanuele Luzzati verranno dedicati altri incontri per raccontare  del suo rapporto con il teatro e la cultura ebraici nell’ambito del suo inimitabile lavoro di illustratore e scenografo.


SALOMONE ROSSI, LEONE DE' SOMMI...
Storie del Rinascimento ebraico
(pagina in costruzione)
LA STORIA DI KURT GERRON
UNA VITA IN CORSA DA BRECHT A TEREZIN
LA MUSICA DEI PIANETI
GLI ASTRI DI GUIDO HORN D'ARTURO
CALENDARIO ELIAS CANETTI (1905-1994)
A venticinque anni dalla scomparsa
LA VASTITÀ DELLA PAROLA MAMMA
UNA MADRE E UN FIGLIO DALLA MEMORIA EBRAICA ALLA LETTERATURA
MATHILDE E ELIAS CANETTI
LE POESIE DEL DOTTOR SONNE
FREUD E I SUOI SCRITTORI
Seminario FRANZ KAFKA
DANTE E LE VIE DEGLI EBREI

I commenti sono stati disabilitati.